piattaforma gestione corsi (materiali, consegne, etc.)

sloodle_04 La piattaforma e-learning è all’indirizzo: www.tele.uniroma3.it dove si possono visitare i corsi esistenti (entrando in modalità ospite) oppure richiedere l’apertura (contattandomi direttamente per telefono al numero breve 87971 o per e-mail all’indirizzo p.mirabelli del nostro server di posta uniroma3.it) di un proprio corso dove inserire materiale didattico, ricevere consegne di esercitazioni, etc.
Se non fosse per i concetti errati e aberrati diffusi dai mass-media (e per quel poco di innovazione con cui li sviluppo), sarebbe semplicissimo illustrare una piattaforma e-learning. Ad esempio molti credono che e-learning sgnifichi tele-didattica: nulla di più errato!  Con questa piattaforma si può avere un quadro generale degli argomenti e delle lezioni, dialogare con i docenti, scaricare file di supporto alle esercitazioni, mandare tesine e esercitazioni progettuali, per tutti, senza distinzione tra studenti in sede e fuori sede e soprattutto senza distinzione tra corsi in presenza ed eventuali a distanza. Eventuali perché sinora con la piattaforma sono stati gestiti, meglio che con gestioni “manuali”, solo corsi in presenza. Naturalmente sono stati sperimentati e utilizzati anche sistemi di telepresenza per didattica a distanza ma questa è solo una possibilità aggiuntiva; per farsi un’idea si può accedere in modalità OSPITE al sistema di gestione del corso PISM dello scorso anno.piattaforma e-learning

Dopo aver analizzato la normativa vigente (la disponibilità di questa piattaforma e le sue caratterstiche hanno assunto un ruolo sempre più rilevante nella legislazione sull’attivazione di corsi e nei criteri di valutazione) e le caratteristiche di molti sistemi e-learning, ne sono stati implementati e sperimentati tre, sempre basati su software a codice aperto che può essere liberamente modificato e non ha costi di licenza (spesso onerosissimi). Al termine della sperimentazione si è adottato non il sistema di più semplice uso, obiettivo che si era perseguito per i siti Web, ma il più potente, diffuso e flessibile. Questo perchè una piattaforma e-learning deve erogare molte più funzionalità e rispettare più norme di un semplice sito Web, oltre a doversi poter modificare per soddisfare esigenze anche molto diverse tra loro, e quindi essendo comunque necessario uno sforzo maggiore da parte degli utenti, a fronte di una maggiore adattabilità, si poteva sacrificare in parte la facilità d’uso.

http://www.tele.uniroma3.it/

Realizzata quindi la piattaforma da applicare, questa è stata implementata ed adattata alle necessità dei docenti e ricercatori durante il suo utilizzo in corsi reali. I molti risultati di questa esperienza hanno indotto a realizzare una nuova piattaforma, modificata, attualmente in uso mentre delle precedenti sono ancora visibili

http://www.pism.uniroma3.it/corsi/
 quella utilizzata con alcuni corsi e poi comunque abbandonata in favore dell’attuale e due solamente sperimentate,
http://193.205.143.178/docebo/doceboLms/index.php?modname=login&op=courselist
 una basata in Italia mentre
http://dida.arch.uniroma3.it/login.php
  l’altra molto rigorosa sul rispetto della normativa sull’accessibilità

Comments are closed.